Le forze intermolecolari

Vi sono due tipi di contributi alle interazioni molecolari. A distanza relativamente lunga (alcuni diametri molecolari), due molecole si attraggono. L'attrazione intermolecolare Ŕ responsabile della condensazione dei gas a basse temperature.. A temperature sufficientemente basse, infatti, le molecole del gas non possiedono energia cinetica tale da sfuggire all'attrazione reciproca per cui subiscono un processo di coesione. La repulsione intermolecolare Ŕ responsabile del fatto che i liquidi esolidi possiedono un volume proprio e non "collassano" riducendosi ad un unico puntoinfinitesimo nello spazio. La presenza di interazioni molecolari implica la presenza di energia potenziale che contribuisce all'energia totale del gas.

Le interazioni a carattere attrattivo comportano una diminuizione dell'energia totale, in quanto il progressivo avvicinarsi delel molecole si traduce in un contributo negativo di energia potenziale. D'altro canto, le interazioni repulsive  che si manifestano in seguito alle collisioni molecolari comportano un aumento di energia totale del sistema. L'incremento di energia Ŕ dovuto ad un contributo positivo di enrgia potenziale:

wpe5.jpg (21080 byte)

L'effetto delle interazioni molecolari si manifesta sulle proprietÓ macroscopiche dei gas: Ad esempio le isoterme dei gas reali hanno un andamento diverso da quello previsto dalla legge di Boyle, soprattutto per valori elevati di pressione. mentre a temperature elevate (e a basse pressioni), le isoterme sperimentali risultano molto simili a quelle ideali.